“L’importante non è vincere, è pensare in modo vincente”: parola di Gianluca Vialli

Un giorno ti senti il più forte del mondo, vai come un treno, ti senti indistruttibile.

Un giorno all’improvviso invece ti senti il più debole, inerme, quasi senza forze.

È la storia di uno dei bomber che più ha fatto sognare tra fine anni ottanta e inizi novanta i tifosi di Cremonese, Sampdoria e Juventus, oltre che tutti gli appassionati di calcio, Gianluca Vialli.

“Ne avrei fatto volentieri a meno di parlare della malattia, ma purtroppo non è stato possibile visto come mi aveva ridotto. E allora l’ho considerata semplicemente una fase della mia vita che andava vissuta con coraggio e dalla quale imparare qualcosa. Con il lavoro che faccio stai spesso a contatto con persone che conosci ma non perfettamente, quindi non sai come comportarti in quei casi.
Giravo con un maglione sotto la camicia, perché così gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano.
L’intevento, otto mesi di chemioterapia, sei settimane di radioterapia… Ma per fortuna ora sto bene. È passato un anno e sono tornato ad avere un fisico bestiale (ride ndr). Ma non ho ancora la certezza di come finirà la partita. Spero che la mia storia possa servire a ispirare le persone che si trovano all’incrocio determinante della vita. Perché io credo che noi siamo il prodotto dei nostri pensieri. La vita è fatta al 10% di quel che ci succede e al 90 di come l’affrontiamo..
L’importante non è vincere, è pensare in modo vincente

Dirà l’ex attaccante della nazionale in una toccante intervista al Corriere della Sera.

L’ultimo capitano juventino ad alzare la Champions League, dolce metà di Roberto Mancini nella Sampdoria dei miracoli, uno degli attaccanti più forti di quegli anni. E poi “la vita è fatta al 10% di quel che ci succede e al 90 di come l’affrontiamo. L’importante non è vincere, è pensare in modo vincente” sono tra le più belle frasi mai sentite.

Grazie Bomber per la lezione.

Articoli Correlati
Mi sono sempre chiesto di che sostanza fosse fatta la vita e, onestamente, una risposta
Se Ronaldo Da Lima è stato ed è uno dei calciatori più amati della storia
"Parla poco, ma ha le idee chiarissime..." Disse Gigi Riva di lui.   Cresciuto nelle
Quando l'outfit non era ancora di vitale importanza...   Essere Roberto Baggio... L'umiltà, la semplicità
Un storia straziante, una storia che nessuno vorrebbe mai sentire, figuriamoci vivere in prima persona.
Gigi Potacqui
Founder di Romanzo Calcistico. Appassionato di calcio, scrittura, film e carbonara. Il calcio è molto di più...
http://www.romanzocalcistico.org

Lascia un commento