Rivaldo, il Camp Nou e tanta magia. Intervista al Pallone d’oro ’99

Gigi Potacqui intervista Rivaldo

Nel magnifico scenario del Camp Nou di Barcelona, dopo il mini-torneo organizzato da Betfair, uno dei più grandi campioni degli ultimi vent’anni, pallone d’oro 1999 e campione del mondo 2002 con il Brasile, Vitor Borba Ferreira Rivaldo, ha svelato in una chiacchierata con il founder di Romanzo Calcistico Gigi Potacqui, i suoi compagni preferiti, l’allenatore con cui ha legato di più, il suo idolo d’infanzia, e tante altre chicche…

Ronaldo, Ronaldinho, un giovane Kakà, Rivaldo… Quattro palloni d’oro tutti insieme, più Cafù, Roberto Carlos e tanti altri campioni… Una generazione di fenomeni. Insomma, impossibile non vincere quel mondiale…

“Sì, è vero, nel Brasile del 2002 c’erano grandissimi campioni, quattro palloni d’oro. Giocammo un grandissimo mondiale e alla fine riuscimmo a vincere. Una vittoria importantissima per tutti noi e per tutto il paese, abbiamo sicuramente meritato di vincere quella coppa del mondo.

Dopo aver incantato in Spagna tra Deportivo La Coruna e Barcelona, l’approdo in Italia al Milan. Ti sei presentato con un gol meraviglioso, un colpo di tacco dei tuoi, purtroppo annullato. La stagione si chiuderà con la vittoria della tua prima Champions League, ma forse ti aspettavi una stagione diversa a livello personale…

“Sì, ho iniziato bene al Milan, segnai quel bel gol di tacco che poi però fu purtroppo annullato. Ho vinto la Champions con il Milan. Sicuramente avrei potuto e voluto fare ancor di più, ma attraversavo un periodo veramente difficile della mia vita personale, perché proprio in quel periodo mi stavo separando da mia moglie. Ma va bene così, nutro ancora un affetto particolare per tutti i tifosi del Milan e per il club rossonero. È stato comunque un anno e mezzo importante della mia carriera, dove ho vinto tre trofei…”

Qual è il giocatore più forte con cui hai giocato?

“Sicuramente Ronaldo, il fenomeno. Con lui era facilissimo giocare, perché era un giocatore davvero formidabile. Io sapevo già come servirlo e poi lui faceva il resto. C’era un motivo se lo chiamavano “Ronaldo il Fenomeno”.

Qual è il giocatore più simpatico con cui hai giocato?

“Ne ho avuti tanti, però posso dirlo delle squadre avversarie. Quando giocavo contro il Madrid, Zidane era una persona molto simpatica, con cui scambiavo spesso battute…”

Il difensore più forte con cui ti sei scontrato o con cui hai giocato?

“Dico due difensori. Uno è spagnolo e si chiama Fernando Hierro, l’altro è Paolo Maldini. Quando giocavo contro Maldini era molto difficile, fortunatamente poi abbiamo giocato insieme ed è stato tutto molto più facile.”

L’allenatore preferito?

“Ricordo sempre con piacere Wanderley Luxemburgo. Oggi allena in Brasile, è stato allenatore del Real Madrid e del Brasile, un allenatore da cui ho appreso tanto.”

Il tuo idolo d’infanzia?

“Zico! che ha giocato anche in Italia da voi, nell’Udinese…”

La tua squadra del cuore?

“E’ il Santa Cruz. Una squadra del nord-est del Brasile poco conosciuta, per la quale tutta la mia famiglia fa il tifo.”

Passiamo al calcio attuale: Qual è il tuo giocatore preferito?

“Mi piace tantissimo Messi, parlo sempre di lui. Tutti mi chiedono “e Cristiano?”. Anche lui e’ un giocatore fantastico, un giocatore che fa la differenza in tutte le squadre in cui gioca. Ma siccome devo sceglierne uno, scelgo Messi.”

Chi merita il prossimo pallone d’oro(2019)?

“Credo che lo meriti Messi. Messi per i gol che ha fatto, per tutto cio’ che ha fatto. So che mancano ancora tante partite, che c’è la Copa America… Vedremo. Però siccome il pallone d’oro è un premio individuale, per tutto cio’ che ha fatto fino ad adesso lo merita Messi. Ad ogni modo non si sa mai cosa puo’ succedere da qui alla fine…”

Quale sarà la prossima giovane rivelazione brasiliana?

“Al momento ci sono Paquetà che gioca al Milan e Vinicius del Real Madrid che promettono bene. Ma non ci sono molti giocatori di talento in Brasile al momento. Sì ne escono fuori tanti comunque, ma pochi di grande talento…”

 

Grazie Rivaldo.

 

GUARDA IL VIDEO DELL’INTERVISTA AL CAMP NOU  –  

https://youtu.be/pnLWwjrxsFM

Articoli Correlati
Mi sono sempre chiesto di che sostanza fosse fatta la vita e, onestamente, una risposta
Se Ronaldo Da Lima è stato ed è uno dei calciatori più amati della storia
"Parla poco, ma ha le idee chiarissime..." Disse Gigi Riva di lui.   Cresciuto nelle
Quando l'outfit non era ancora di vitale importanza...   Essere Roberto Baggio... L'umiltà, la semplicità
Un storia straziante, una storia che nessuno vorrebbe mai sentire, figuriamoci vivere in prima persona.
Gigi Potacqui
Founder di Romanzo Calcistico. Appassionato di calcio, scrittura, film e carbonara. Il calcio è molto di più...
http://www.romanzocalcistico.org

Lascia un commento