Quella memorabile notte in cui il Bernabeu si alzò tutto in piedi per Totti

Real Madrid – Roma, partita di Champions League, minuto 74.
Arriva il cambio, tutti in piedi, si ferma il calcio.
Lo speaker dice il nome. Così fa tutto lo stadio. Si sente un grido unico: “Tottiii!”
L’emozione dello stadio, il maestoso ed esigente Bernabeu.
L’imponente stadio diventa tutto d’un tratto un red carpet da favola, l’aria è intrisa di meravigliosa magia.
Sul giornaletto del pre partita del Real Madrid, c’è un articolo che titola così: “Francesco Totti, la Leyenda!”
E di ‘leyende’ da quelle parti se ne intendono…
I giocatori Blancos lo cercano al suo ingresso in campo e nel momento della sostituzione per un saluto e a fine partita per la maglia. L’onore spetta a Sergio Ramos, il capitano, che mostra fiero il prezioso cimelio autografato ai fotografi e alle tv: “Il mio idolo fin da bambino, grazie per la maglia, è un onore, leyenda!” Scriverà subito dopo sul suo profilo Facebook. Anche il croato Luka Modric mostra orgoglioso sui social network personali la foto ricordo fatta con il Capitano giallorosso con la scritta “my idol”.
Da quelle parti sono pochi gli eletti a ricevere qualcosa del genere e l’italiano amante di calcio gonfia il petto: si sente orgoglioso e fiero di quella memorabile notte spagnola.
Il Santiago Bernabeu, uno dei templi del ‘futbol mundial’, uno dei più pretenziosi, che si alza per applaudire un giocatore: come con Ronaldinho, come con Del Piero, come con Iniesta. Mostri sacri, lo sanno riconoscere.
“Uno dei pochi che non sono riuscito a portare a Madrid” dirà il presidente del Real Madrid Florentino Perez.
Ma no, Totti non si poteva. Totti era una bandiera, Totti era il capitano della Roma, Totti è la Roma.

Quella Roma con cui esordì il 28 marzo 1993.

Quel giorno iniziava l’incredibile storia tra la Roma e il suo ottavo re, il suo eterno capitano: Francesco Totti.

 

Articoli Correlati
Francesco Totti, nel suo libro "Un capitano" scritto brillantemente da Paolo Condò, racconta tanti aneddoti
“Dicono che è stato un mio limite il non aver mai cambiato squadra. In realtà
"Parla poco, ma ha le idee chiarissime..." Disse Gigi Riva di lui.   Cresciuto nelle
Quando l'outfit non era ancora di vitale importanza...   Essere Roberto Baggio... L'umiltà, la semplicità
Un storia straziante, una storia che nessuno vorrebbe mai sentire, figuriamoci vivere in prima persona.
Gigi Potacqui
Founder di Romanzo Calcistico. Appassionato di calcio, scrittura, film e carbonara. Il calcio è molto di più...
http://www.romanzocalcistico.org

Lascia un commento